GIURARE PER ESSERE AVVOCATO

AntonioPapiRossi-19A cura di Antonio Papi Rossi

La professione di avvocato si pu? esercitare dopo aver superato l?esame di abilitazione: ma questo non ? sufficiente. Occorre il formale giuramento di rispettare la Costituzione della Repubblica: giuramento che ciascun neo-avvocato deve rendere quale condizione per iscriversi all?Albo ed esercitare la professione.

Perch? il giuramento? Non siamo giudici, dipendenti dello stato, delle forze dell?ordine. Per esercitare altre professioni vicine alla nostra (i commercialisti, i consulenti del lavoro) e, in generale, le libere professioni (architetti, giornalisti) non ? richiesto il giuramento.

Tuttavia ? richiesto un giuramento: perch? la materia viva di cui si occupa l?avvocato ? il diritto, vale a dire un modo di regolare la vita sociale in modo pacifico e, in caso di conflitti, un modo per risolverli senza l?utilizzo della forza. Ogni persona umana ha diritti fondamentali che l?avvocato deve tutelare, presidiare, difendere.

L?avvocato ogni giorno deve ricordarsi questo giuramento, che gli impone di seguire i principi fondamentali indicati nella Costituzione, per svolgere con pienezza il suo ruolo, che la Legge professionale (art. 2) identifica cos?: l?avvocato ha la funzione di garantire l?effettivit? della tutela dei diritti.

Guardiamo un po? da vicino la nostra Costituzione.

Nata in un momento di particolare coesione del Paese, dopo la seconda guerra mondiale, ? il frutto illuminato e lungimirante dell?Assemblea costituente, composta da? ?eccellenti rappresentanti del mondo giuridico, storico e politico. La Costituzione riconosce (non attribuisce) i diritti inviolabili della persona, i quali sono riconosciuti a tutti (non soltanto ai cittadini italiani). Stabilisce l?uguaglianza di tutti davanti alla legge e pone le basi della nostra civilt? giuridica, attraverso norme di larghissimo respiro, la cui straordinaria saggezza le rende elastiche interpreti del nostro paese, moderne e attuali. Cos? oggi, a distanza di settant?anni, la Costituzione continua ad essere norma viva e vivente, capace di guidare verso il futuro le istituzioni e le persone.

La terribile esperienza delle due guerre mondiali – che, in verit?, erano almeno in larga parte guerre tra Stati europei – indusse i Padri costituenti a prevedere, tra i principi generali, quello secondo cui l?ordinamento giuridico si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute (art. 10) e che la Repubblica, in condizioni di parit? con gli altri Stati, consente alle limitazioni di sovranit? necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni, promuovendo e favorendo le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo. Questi articoli sono alla base dell?appartenenza dell?Italia all?Unione Europea e alle principali convenzioni internazionali, tra cui la C.E.D.U.

Su tali basi nel nostro sistema costituzionale ha avuto ingresso il visionario progetto europeo: basta leggere le prime norme del Trattato per comprendere la forza, la bellezza e la grandiosit? giuridica dell?Unione: cos? l?art. 2:

?L?unione si fonda sui valori del rispetto della dignit? umana, della libert?, della democrazia, dell?uguaglianza, dello Stato di diritto e del rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti a minoranze. Questi valori sono comuni agli Stati membri in una societ? caratterizzata dal pluralismo, dalla non discriminazione, dalla tolleranza, dalla giustizia, dalla solidariet? e dalla parit? tra donne e uomini?.

Ai diritti si accompagna una visione di pace, giustizia e benessere: l?art. 3 incomincia con l?impegnativo obiettivo secondo cui ?L?Unione si prefigge di promuovere la pace, i suoi valori e il benessere dei suoi popoli. L?Unione offre ai suoi cittadini uno spazio di libert?, sicurezza e giustizia senza frontiere interne [..]?.Senza contare che il progetto europeo ha garantito all?Italia il periodo di pace pi? lungo (70 anni) della propria storia. La Costituzione si ? ulteriormente arricchita della Convenzione Europea dei Diritti dell?Uomo, direttamente applicabile come norma super primaria nel nostro sistema giuridico, come ha chiarito alcuni anni fa la Corte costituzionale (sentenza 348/2007).

Il giuramento dell?avvocato riguarda perci? la dichiarazione di fedelt?, di amore e di impegno verso un patrimonio giuridico liberale, illuminato, che raccoglie le radici della nostra storia secolare e le proietta in un presente e in un futuro di pace, giustizia e solidariet?. Si: perch? anche la solidariet? ? un dovere costituzionale (art. 2 della Costituzione e art. 2 del Trattato dell?Unione).

Per l?avvocato, la difesa dei non abbienti ? un dovere, non ? una buona azione.

Buona azione ? dare da mangiare agli affamati. Praticare la solidariet?, invece, ? praticare la legalit?. Difendere un diritto, anche per chi non pu? pagare la parcella, ? un dovere costituzionale, non ? una buona azione. Fa perno sulla dignit? della persona – parte assistita, che la costituzione vuole uguale davanti alla legge: cos? l?art. 3 ?Tutti i cittadini hanno pari dignit? sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzioni di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. E? compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libert? e l?eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l?effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all?organizzazione politica, economica e sociale del Paese?.

Nel lavoro quotidiano, in ogni riunione, in ogni discussione in tribunale e in ogni caso che la vita professionale ci chiama a seguire, il giuramento deve guidarci, sostenerci e guidare le nostre scelte.

Con il gusto, il coraggio e la responsabilit? di farlo ?in libert?, autonomia e indipendenza?, come indica la legge professionale (art. 2, comma 1). In questi termini e su tali basi, il nostro ? un lavoro meraviglioso, straordinariamente emozionante, irripetibile.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *